ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

S'odi

S’ODINONSUONARE

 

Scheda ITA
Scheda ENG
Link

Tutto nasce nell’autunno del 2010 quando Alessio Mazzaro e Marco Campana decidono di continuare assieme le proprie ricerche negli ambiti del teatro, arti visive e sound art. Il gruppo comincia così a sviluppare alcune tematiche ritenute fondamentali, l’uso drammaturgico del suono, le installazioni sonore, la centralita delle emozioni rispetto al testo, la sostituzione della struttura data dal testo con una partitura di azioni fisiche e simboli, l’interazione del pubblico all’interno dello spettacolo. Dopo le prime ricerche estetiche e sonore sulla figura dell’albero, entrano a far parte del gruppo come performer Elena Beccegato e Valentina Zanon, assieme a loro S’odi non suonare realizza uno studio sui culti e riti arborei che si conclude nello spettacolo “Mito Rito Corteccia”. Mito Rito Corteccia è stato presentato il 28 Maggio 2011 al Festival Al di la dei tarocchi che si è tenuto al Centro per l’arte contemporanea Il Conventino (Pesaro). Nell’agosto del 2011 comincia a collaborare con S’odi non suonare l’attore Andrea Dellai e il gruppo comincia a realizzare una seconda risposta al tema dell’albero, MRT2°Ipotesi che debutta al Teatro Comunale di Pianiga il 20 Gennaio 2012. Contemporaneamente il gruppo produce una performance/istallazione sonora, RADICI che presenta il 26 Novembre 2011 allo Spazio Pelodrilli di Treviso. Dopo l’uscita dal gruppo di una delle due performer, il gruppo si concentra maggiormente sulla composizione con il suono e il ruolo del pubblico all’interno delle proprie performance. RADICI da origine ad un lavoro sugli “autismi” e i suoni, narrare utilizzando semplici movimenti ripetuti che interagendo con un’installazione creano dei suoni, gesto e suono collegati assieme rievocano un contesto e una storia. Il gruppo in tutte queste sperimentazioni si avvale delle abilita tecniche di Marco Campana che costruisce la strumentazione, microfoni, microfoni piezometrici, amplificatori. Le opere cominciano a diventare degli strumenti di indagine sul comportamento e la condizione dello spettatore. Tutte le scenografie degli spettacoli di S’odinonsuonare e le installazioni, sono site-specific, legate al luogo e testimonianza del momento. Il collettivo S’odinonsuonare è stato selezionato da Fuoribiennale per partecipare ad INDEPENDENTS3 ad ArtVerona2012 dal 18 al 22Ottobre 2012. Con il progetto Radici la compagnia è tra i vincitori del bando ART IS CLEAR AS CLOUDS ARE 2012.

In the autumn of 2010 Alessio Mazzaro and Marco Campana decided to begin their own researches in the field of theatre, visual art, and sound art. Immediately the centre of their interest was trees and their first work, Mito Rito Corteccia, was present- ed on 28 May 2011 at the Al di la dei tarocchi festival; it was fol- lowed by MRT2°Ipotesi which later made its debut in January 2012. At the same time their sound performance/installation, RADICI, was produced and presented on 26 November 2011in the Spazio Pelodrilli in Treviso. RADICI was the starting point for a work about “autisms” and sounds; its narrative used simple repeated movements that interact with an installation to create sounds. Gesture and sound were linked together to evoke a context and a story. The works began to become tools for in- quiries into the behaviour and condition of the spectator. All the sets of the shows and installations are site-specific, tied to the place and witnesses to that particular moment. 

Se vuoi aggiungerti a Veneto Factory o suggerire delle modifiche a questa pagina clicca qui

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
show
 
close