ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Utter_Margherita-Pirotto-e-Jasa_Biennale-Arte-2015

MARGHERITA PIROTTTO

 

Scheda ITA
Link

Margherita Pirotto è dottoranda in Storia del teatro presso la scuola di dottorato in Storia, critica e conservazione dei beni culturali dell’Università di Padova.
Il suo progetto di ricerca riguarda lo studio della vita professionale della danzatrice e coreografa Hanya Holm, dalla formazione all’attività pedagogica e coreografica, in Germania e negli Stati Uniti a partire dagli anni Venti fino agli anni Ottanta del Novecento.
L’ambito di ricerca della dottoressa Pirotto si concentra sulla Storia della danza del Novecento. Nel 2011 ha conseguito la laurea in Lettere presso l’Università di Padova (con votazione 110/100 e lode) con la tesi quadriennale Simone Forti: la poetica e le performances tra 1960 e 1979.
Nel 2013 ha pubblicato il saggio Simone Forti tra 1968 e 1979: uno stato di “enchantment”in «Il Castello di Elsinore», anno XXVI, n° 68, Edizioni Pagina, Bari.
Nel 2014 ha scritto il capitolo Aísthesis e kineîn:sperimentazione e performance in Simone Forti, in E. RANDI, Protagonisti della danza del XX secolo. Poetiche ed eventi scenici, Carocci, Roma.
Tra le ultime pubblicazioni del 2015 si ricordano: la recensione “Sculture d’aria”: report di una giornata di studi a Padova su Saburo Teshigawara nella rivista on-line Arabeschi e lo scritto Simone Forti. La produzione artistica dei primi anni Sessanta, in Elena Randi (a cura di), Declinazioni della danza: tre studi, Bonanno, Roma.
Ha studiato danza con: Mariolina Giaretta, Andrea Francescon, Wane Byars, Laura Pulin, Khosro Adibi, Virgilio Sieni, Malou Airaudo, Susanne Linke, Reinhil Hoffmann, Urs Dietrich, Giorgio Rossi, Lindsay Kemp, Corinne Lanselle, Michal Mualem (Sasha Waltz), Giannalberto de Filippis.

Ha danzato in Italia e all’Estero nella compagnia Officinadanza, direzione e coreografie di Laura Pulin; nella compagnia Giardini Pensili diretta da Roberto Paci Dalò; nello spettacolo L’uccello di fuoco e altre storie, coreografie di Mauro Bigonzetti e regia di Fabrizio Montecchi, coproduzione Aterballetto(Fondazione Nazionale della Danza) e Teatro Gioco-Vita(Teatro Stabile di Innovazione); nello spettacolo La storia inaudita, regia e coreografia Laura Pulin, coproduzione Teatro Stabile del Veneto e Teatro Nuovo di Torino.
Nel 2011 fonda la compagnia Aleph Company con la quale crea: Jerry e Debby (Festival Sguardi 2011), Oh, Carrot!, coreografia di Margherita Pirotto e regia di Vincenzo Manna (creazione in residenza coreografica 2011-2012, presso Fondazione Teatro Comunale Città di Vicenza e CSC-Centro per la scena contemporanea Bassano del Grappa), Variazioni, coreografia di Margherita Pirotto (Biennale Danza di Venezia 2012 – Marathon of the Unexpected).
Ha creato coreografie, assoli e performance collaborando con diversi artisti, ricordiamo: performer in Acqua sfocata, utilità del fuoco e altre risposte concentriche, conversazione performativa di 5 ore di Alessandro Bosetti; performer ospite in Utter, opera dell’artista sloveno Jaŝa (Biennale Arte di Venezia 2015); Dire, Fare, Baciare, Lettera e Testamento, video-installazione di Raffaella Rivi e performance di Margherita Pirotto (Festival Prospettiva Danza 2013, Padova); Elin’ka, coreografia di Margherita Pirotto (Finalista Premio Coreografico Nazionale Prospettiva Danza 2013 Padova); Body in six minutes, assolo di Margherita Pirotto (Progetto Supporter 2009 della compagnia americana Paul Taylor Dance Company, Teatro Toniolo di Mestre).
Nel 2015 crea un duo con il musicista Riccardo Marogna, con il quale presenta Do you still play it? (Prospettiva Danza 2015) e Inner Eye/Outer Ear (Electrocamp 2015).
Dal 2011 dirige il laboratorio di coreografia e improvvisazione “Io Contengo Moltitudini”.

Se vuoi aggiungerti a Veneto Factory o suggerire delle modifiche a questa pagina clicca qui

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
show
 
close