ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Filanda Motta

FILANDA MOTTA

 

Scheda ITA
Scheda ENG
Link

Per trovarla basta percorrere la strada che unisce il Terraglio alla Noalese, attraversando Campocroce.

Mirabile esempio di archeologia industriale tardo-ottocentesca, la sua particolarissima sagoma si scorge a fianco della graziosa chiesa del paese, perfettamente conservata come se si trovasse tuttora in piena attività, con la lunga facciata porticata dello stabilimento bacologico e i due edifici che incorniciano i lati del giardino. Poco discosti si ergono gli edifici un tempo adibiti a filanda e l’armoniosa struttura della “gallettiera” sovrastate dalla slanciata ciminiera.
La costruzione dell’opificio ebbe inizio nel 1876 per volontà del Cav. Pietro Motta, allora ufficiale del Regio Esercito, abbandonò la vita militare per l’imprenditoria agro-industriale.
Per ottanta anni la sua famiglia, attraverso varie vicissitudini, mantenne viva e ne accrebbe la capacità produttiva finché, nel 1956, a causa della grave crisi che in quegli anni colpì il settore della seta, l’attività bacologica cessò definitivamente. La proprietà fu ceduta e gli edifici del grande stabilimento furono in gran parte adibiti ad altri usi, senza tuttavia subire, fortunatamente, le irrimediabili conseguenze del totale abbandono.

Nel 1989, dopo averne rilevato il pacchetto azionario, con lungimirante intuito imprenditoriale, ma soprattutto con un ammirevole gesto di affetto verso i vecchi mattoni, Mario Franco diede inizio insieme alla sua famiglia ad un coraggioso programma di recupero.

Pressoché terminato, il complesso oggi si propone come una delle più interessanti e meglio conservate testimonianze architettoniche della propria epoca, accogliendo all’interno dei suoi grandi spazi, in un’atmosfera carica di suggestioni, gli studi, i laboratori e gli atelier di svariate attività ricreative e professionali, la cui presenza concorre in modo decisivo a mantenere vivo lo spirito operoso di questa magnifica struttura.

CHI SIAMO :
Nel 1989, trent’anni dopo la chiusura dello stabilimento bacologico, la nuova proprietà dà inizio a un coraggioso programma di restauro dei grandi edifici dell’ex Filanda Motta, dal 1959 lasciata in uno stato di semi abbandono. Poco più di un anno dopo le prime attività professionali cominciano ad occupare gli spazi ripristinati e nel ’92, con singolare iniziativa un piccolo pubblico ha per la prima volta l’opportunità di prendere confidenza con l’affascinante struttura, visitando una mostra organizzata all’interno.

Col procedere della ristrutturazione l’entusiasmo coinvolgente dei promotori trova nei nuovi arrivati un sorprendente spirito di intesa che rende possibile l’organizzazione delle grandi manifestazioni “Open Studio”. In seguito le numerose collaborazioni professionali tra gli studi, ormai una trentina, e la crescita di un comune sentire che si cementa nelle amicizie personali che si stringono tra i giornalieri abitanti del “piccolo borgo” danno vita ad una riuscita serie di concerti organizzati a scopo benefico.

Il lusinghiero successo di questi eventi organizzati anche con lo scopo di dare un senso più ampio al nostro lavoro al suo interno e il desiderio di condividere con sempre maggior numero di persone l’atmosfera e le particolari suggestioni che le serate in questo luogo inevitabilmente procurano, ci hanno finalmente convinti a costituire l’Associazione Culturale Filanda Motta. L’intento di moltiplicare le occasioni di incontro intorno a una serie di nuove e non comuni manifestazioni, spettacoli e mostre impegna oggi il nostro entusiasmo in una scommessa progettuale che incoraggia i nuovi soci a sentirsi parte fondamentale dell’associazione e a offrire il proprio propositivo e vitale contributo.

Se vuoi aggiungerti a Veneto Factory o suggerire delle modifiche a questa pagina clicca qui

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
show
 
close