ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Banner_Capitano_Merletti

CAPITANO MERLETTI

 

Scheda ITA
Scheda ENG
Link

BIOGRAFIA

Capitano Merletti
Alessandro Antonel, in arte Capitano Merletti, nasce in Italia nel 1976 e si avvicina alla musica in tenerissima età,
studiando pianoforte, teoria musicale e solfeggio.
Ha appena otto anni quando entra a far parte del coro Voci Bianche Città di Oderzo, prestigioso coro all’ epoca vincitore di numerosi concorsi nazionali ed internazionali.
Questa esperienza lo segna profondamente, sia perché unica voce maschile all’ interno di un coro con più di 30 elementi femminili,sia perché si insinua in lui l’ amore per le armonizzazioni
vocali, dissonanze e coralità, tutti ingredienti che userà nel corso della sua produzione musicale.
Cresciuto in una famiglia libertina, pseudo Hippie, con un’ innata tendenza a girovagare tra roulottes e campeggi, passa le serate sotto le stelle tra le chitarre acustiche del padre musicista,autentico Juke-Box vivente di canzoni anni ‘60/’70, e amici raccatati alla meglio qua e là, tra bonghetti, sigarette e
bottiglie di vino fino a notte inoltrata. In questa atmosfera distesa e rilassata ha modo di formarsi il suo
primo gusto musicale, ispirato dalle canzoni del padre, che regala questo importante background culturale, tra le settime aumentate delle canzoni di Antonio Carlos Jobim e i più ispirati pezzi beat dei vari Beatles, Rolling Stones, The Who, The Beach Boys, Simon & Garfunkel, The Rokes, De Andrè, Santana, Bob Dylan, Creedence Clearwater Revival, C.S.N.Y. ecc. (impossibile citarli tutti).
Ancora oggi Capitano Merletti dichiara di saper suonare brani sconosciuti dell’ epoca, di cui non ha mai sentito la versione originale registrata.
Da giovanissimo comincia a strimpellare le varie chitarre acustiche ed elettriche del padre, imparando da autodidatta e con un orecchio musicale allenato a decifrare i riffs e gli accordi dai dischi, senza l’ aiuto degli spartiti e molto prima dell’avvento dei tutorials sul web. Questo duro lavoro gli insegna a decifrare le parti musicali dei vari strumenti, predisponendolo alla comprensione e alla scomposizione della struttura delle canzoni.
All’ età di 14 anni comincia a suonare la chitarra, il basso e all’ occasione la batteria in varie band Punk, Hardcore, Post Rock e Grunge. Sono i primi tentativi di scrivere del materiale proprio, ma solo con la formazione dei Chinasky, ha libero sfogo la sua vena creativa.
In questa decennale esperienza ha modo di sperimentare l’ uso di vari strumenti e di registrare molta parte del materiale presso gli studi della Garage Records (TV), con la collaborazione dei fedelissimi Ruggero Pol e Marco Pagot.
In “Great Taste Hits”, secondo album dei Chinasky, ha l’ occasione di collaborare con Marco “Nonna” Posocco, produttore musicale e tecnico audio, che avrà una grossa influenza sulla sua formazione
artistica.
Firma vari brani che andranno a costituire la discografia della band. Dopo di loro, insieme a Marco Pagot, è la volta dei vintagefuturistici Maya Galattici, duo dagli accenti psichedelici e
visionari.
Parallelamente continua a scrivere e registrare musica che andrà a formare il suo materiale da solista.
Pubblica la canzone e il video di “Mutations”.
Ha collaborato agli arrangiamenti del debutto degli Homesick Suni & The Red Shades e ha curato la produzione del brano “Love On Tape” di Donnakatya. Ha contribuito alla realizzazione di “Feral”,
debutto discografico della band Caravanserai.
Collabora con l’ artista visuale Lina Sari.
Il suo primo album da solista, completato nel 2015, si intitola “Watch Out For Satellites And Asteroids”.
Alla ricerca di una maggior sintesi e nudità compositiva, è ora alla prese con un registratore analogico a 8 piste. Le bobine ospiteranno il suo prossimo lavoro “Medusa (The Universe Becomes Transparent).

BIOGRAPHY

Is an Italian singer-songwriter, multi-instrumentalist and record producer, best known as singer and guitarist of
Maya Galattici and Chinasky. His music can generally be defined as psychedelic rock, neofolk and indie pop but he also mix in elements from retro Italian sondtracks, electronica, noise, twee pop, experimental and many other musical styles.
He produces and plays almost all of his own music. His home recording technique gives his music a very lo-fi sound.
Capitano Merletti’s influences range from Syd Barrett to Beck.
He realized the video of his first single “Mutations” with the indipendent video maker Luigi Tadiotto.
He produced the song “Love on Tape” by the artist “DonnaKatya”.
His first solo Album is called “Watch out for Satellites and Asteroids”.
He is working on his new Album “Medusa (The Universe Becomes Transparent)”, which will be recorded on an eight-track tape.

Se vuoi aggiungerti a Veneto Factory o suggerire delle modifiche a questa pagina clicca qui

Share and Enjoy

  • Facebook
  • Twitter
show
 
close